30/03/2012

Andrea e Senad rimangono in Italia

Niente espulsione per Andrea e Senad. La notizia è che un giudice di pace di Modena ha dato loro ragione annullando il decreto di espulsione emesso dalla Prefettura. Della vicenda si era parlato parecchio in questi giorni. Il loro caso è emblematico dell’arretratezza – e dell’inumanità – della nostra legge sulla cittadinanza fondata esclusivamente sullo ius sanguinis.
 


I due fratelli sono nati e cresciuti a Sassuolo da genitori bosniaci e fino a qualche tempo fa erano regolarmente residenti in Italia. Lo scorso mese, in seguito ad un controllo, sono stati portati al Centro di identificazione ed espulsione. La loro colpa? Nessuna, se non il fatto che nel 2007 i genitori avevano perso il lavoro e dunque, secondo il vecchio pacchetto sicurezza Bossi-Fini, anche il permesso di soggiorno. La situazione è resa ancora più complicata per il fatto che i due giovani sono apolidi – e dunque senza status giuridico definito – perché i genitori avevano lasciato il loro paese quando ancora esisteva la Jugoslavia e, dunque, non sono mai stati registrati come cittadini bosniaci.

Cosa succederà ora? La Questura di Modena ha annunciato non meglio precisate “nuove misure nei confronti dei due giovani”. Per il responsabile Immigrazione dell’Inca Cgil nazionale, Claudio Piccinini, bisogna “che il Parlamento tenga conto di questa sentenza e calendarizzi in tempi rapidi la proposta di riforma della legge sulla cittadinanza”. Nella proposta di legge d’iniziativa popolare che recentemente ha raccolte il numero di firme necessarie si prevede, tra l’altro, che se si nasce in Italia si è italiani.

Andrea e Senad sono solo due tra i tanti bambini che nascono, crescono nel nostro paese e vanno a scuola con i nostri figli. Ma non saranno italiani, finché non si capirà che esserlo non può essere solo una questione di sangue.

TAG
espulsioni immigrazione andrea e senad cittadinanza cie

PERMALINK
http://fuoriclasse.blog.rassegna.it/2012/03/30/987-andrea-e-senad-rimangono-in-italia/

Di Stefano Iucci il 30/03/2012 alle 16:12



Leggi i commenti

Nessun commento ancora disponibile.

Scrivi un commento


/1000







9+7=

Il commento sara' pubblicato dopo la moderazione.

  • dai blog